Piscina 1 (16)

Piscine da Esterno

22 maggio 2018

È arrivato il tanto atteso momento di pensare a come godersi al meglio l’estate in arrivo. Dopo una giornata lavorativa, che cosa può essere più rilassante di una nuotata nella nostra piscina personale? Un sole di fine giornata, acqua fresca ad accoglierci ed ecco che iniziamo a dimenticare i nostri problemi. Ah, come? Non hai ancora una piscina? Beh, allora bisogna iniziare a pensare a quella che potrebbe essere la tua piscina ideale!

Ognuno di noi può però avere una piscina ideale in cui rilassarsi, le tipologie sono varie: dipendono principalmente dalla struttura, dal tipo di filtrazione scelto e, infine, dal metodo di rivestimento.
Vediamo in cosa consistono queste differenze.

La struttura di una piscina può, fondamentalmente, essere di due tipologie differenti: in muratura oppure prefabbricata. La prima, come è intuibile, presuppone una struttura realizzata interamente in cemento armato, la seconda, invece, indica una piscina con fondo in cemento e pareti in acciaio zincato. La differenza principale tra le due è a livello di costo, in quanto una struttura interamente in C.A. sarà più costosa di una prefabbricata. È da notare anche una differente resistenza delle due perché, ovviamente, una struttura in muratura può ritenersi più affidabile nel lungo periodo rispetto ad una prefabbricata, in quanto la tenuta della piscina, nel tempo, può compromettersi a causa di sollecitazioni ai pannelli prefabbricati che, nel tempo, potrebbero portare a micro fessure, con conseguenti perdite.

Analizziamo ora i sistemi di filtraggio: si parla di sistema a sfioro oppure con skimmer. Entrambi sono sistemi di pulizia della superficie dell’acqua ma la differenza di costo tra i due è considerevole: più economico il sistema con skimmer, più costoso ma anche di apprezzabile risultato estetico il sistema a sfioro.
Il sistema a sfioro consiste nella fuoriuscita dai bordi della piscina dell’acqua, la quale verrà raccolta da una griglia che circonda tutta la piscina e trasferita in una vasca sottostante, chiamata vasca di compenso. Questo sistema ha il compito di rifornire la piscina dell’acqua che è fuoriuscita dalla stessa, il che implica un costo maggiore causato dall’utilizzo di appositi sistemi di pompaggio dell’acqua.
Il sistema con skimmer è invece un tipo di impianto più semplice, ma altrettanto efficiente, che sfrutta delle bocchette poste sui lati delle pareti della piscina per filtrare la superficie dell’acqua.

Rimane ora da decidere la tipologia di rivestimento: resina, mosaico, maioliche o PVC?
Sembrerà strano ma la tipologia di rivestimento influisce in modo importante sulla struttura della piscina, perché proprio da questo dipenderà poi il metodo di costruzione della vasca.

Liner armato in PVC

Questo tipo di rivestimento rappresenta la scelta con un rapporto qualità prezzo migliore, perché esteticamente i risultati sono belli da vedere e, inoltre, il PVC rende possibile l’utilizzo di vasche non perfettamente a tenuta. Questo, quindi, dà modo di risparmiare al momento della costruzione della vasca, permettendo una costruzione più rapida ed economica della struttura, che poi verrà ricoperta con questo materiale che, essendo per sua natura impermeabile, renderà la piscina a perfetta tenuta.

Piscina con rivestimento in piastrelle, mosaici o maioliche

Piscina C (8) Piscina C (7) Nel caso in cui si scelga di utilizzare uno di questi elementi di rivestimento, la vasca in questione deve essere perfettamente a tenuta. Andrà quindi dovutamente costruita e rivestita dai giusti materiali impermeabilizzanti, che garantiranno l’assenza di fuoriuscite d’acqua. In questo caso si dovranno interpellare posatori specializzati in questa tipologia di lavorazioni, che siano quindi in grado di posare dovutamente malte e membrane impermeabilizzanti.

Pitture al Clorocaucciù

È la soluzione più economica ma, allo stesso tempo, meno duratura. Si tratta di una vernice che va stesa su tutta la superficie della piscina per renderla impermeabile. Questo tipo di soluzione necessita però di una manutenzione importante costante: la vasca andrebbe svuotata e ritinteggiata annualmente, in quanto queste vernici tendono a sollevarsi dalla superficie di posa nel giro di uno/due anni.